Menu LatinaPerStrada.it

Sport

Al Palabianchini cresce l'attesa per la finalissima europea

L'Andreoli sfida i turchi del Fenerbahçe Istanbul

Cresce l’attesa al PalaBianchini per la serata di gala in programma alle 20.30. L’Andreoli sfiderà infatti il Fenerbahçe Istanbul per la gara di andata della finale di Challenge Cup.

 

Il ritorno è previsto sabato alle 15.30 italiane al Burhan Falek Voleybol Salonu, il palazzetto della federazione turca di Istanbul, dalla capienza di 7000 posti.

 

Latina è l’unica formazione italiana che ha raggiunto le finali considerando anche il settore femminile. Una curiosità: entrambe le squadre non si sono guadagnate l’accesso alla coppa direttamente dal Campionato. L’Andreoli fu ripescata dopo che Modena e Perugia rinunciarono, il Fenerbahçe fu ammessa dopo aver vinto la Coppa Balcanica. Il Fenerbahçe è allenato dall’italo-argentino Daniel Castellani coadiuvato dall’italiano Marco Soli (al termine della stagione sarà il vice di Marco Bonitta sulla panchina della nazionale italiana femminile), hanno come scout Ivan Contrario (ex Latina); staff quindi che conosce bene il campionato italiano e le caratteristiche dei suoi giocatori. Nell’organico ci sono alcuni atleti che hanno militato nel nostro campionato: il fuoriclasse serbo Ivan Miljkovic (ex 7 stagioni a Macerata e una a Roma, oro olimpico a Sydney 2000, 2 Europei, vice campione mondiale 1998 e bronzo 2010), il cubano Leonel Marshall (6 stagioni a Piacenza e una a Roma) entrambi allenati da Dario Simoni nel periodo romano, il brasiliano Felipe (4 stagioni a Modena, ori alla Grand Champions Cup e World League 2013) oltre all’altro verdeoro Thiago. Quindi il sestetto di Castellani potrebbe vedere schierati Eksi al palleggio e Miljkovic opposto, Basaran e Gok centrali, Marshall e Felipe di banda, Kilic libero con Dogan, Gunes, Toy, Tendar e Thiago pronti a entrare. L’Andreoli ha raggiunto la finale eliminando prima gli slovacchi dello Chemes Humennè con un doppio 3-0, poi il Precura Anversa 15-10 al golden set dopo che le due gare si conclusero in tre set, quindi il Parnu con un doppio 3-0, il Calcit Kamnik 3-1 in Slovenia e 3-0 in casa quindi il Bbsk 3-0 e 2-3. Ampia la copertura televisiva su più emittenti e su più piattaforme. La gara di andata si potrà vedere in diretta a partire dalle 20 sui canali del digitale terrestre 12 (Lazio TV), 650 (Lazio TV Latina) e 651 (Lazio TV Frosinone) e sulla piattaforma satellitare Eutelsat ai canali del decoder Sky 882, 892, 898, 925 e 948. La gara di ritorno in Turchia invece oltre che sui canali 650 (Lazio TV Latina) e 651 (Lazio TV Frosinone) anche sul 17 (Gold TV) sempre del digitale terrestre e a copertura nazionale sul 132 (Italia+Canale). Radiocronaca integrale su Radio Antenne Erreci (FM 97.300 MHz anche sul web www.radioantenne.it).
Dario Simoni: “Loro sono un’ottima squadra con tre giocatori straordinari come Miljkovic, Marshall e Felipe, che sono l’asse portante della squadra. Sono degli ottimi attaccanti di palla alta con una buona battuta in salto. In queste gare così importanti giocatori del genere danno il meglio. Sarà una partita difficilissima, dove non partiamo con i favori del pronostico. È fondamentale vincere da tre questa prima partita per giocarci tutto sabato in Turchia”.  

 

Daniele Sottile: “è una partita che attendiamo da tanto tempo e stiamo preparando nel migliore dei modi. Abbiamo di fronte un avversario tosto ma dobbiamo cercare di fare il nostro gioco e essere aggressivi dall’inizio alla fine. Loro hanno tre pedine importanti, di esperienza che queste partite non sbagliano, ma noi dobbiamo pensare a noi stessi più che a loro. Speriamo che ci sarà tanto pubblico ad aiutarci”.

Gianrio Falivene: “Spero che la posta in palio possa spronare tutti a dare il massimo. L’amarezza dello scorso anno non è stata ancora smaltita, questa volta dobbiamo fare quello che non siamo riusciti a fare lo scorso anno. Caso vuole che torniamo in Turchia, la storia vuole che ci siano corsi e ricorsi. Non ci dimentichiamo che siamo arrivati in coppa da ripescati, il destino ha voluto che ritornassimo su dove eravamo rimasti con l’amaro in bocca l’anno scorso”. (Foto De Noto)

 

Sponsor