Menu LatinaPerStrada.it

Sport

Calcio a 5, Rapidoo travolta dal Napoli

Debutto playoff da dimenticare, Latina battuta 9-2

Dura un tempo il sogno della Rapidoo Latina Calcio a 5 di fare match pari con il Napoli Futsal Santa Maria. Completamente da dimenticare, infatti, la ripresa dei nerazzurri, decisamente in balia dei partenopei, che dal 2-2 in poi, non hanno faticato più di tanto a chiudere questa gara di andata dei play off e ad ipotecare il passaggio alla finale per la promozione in A1: 2-9 il risultato finale. La Rapidoo Latina partiva subito e dopo ventisei secondi si rendeva pericolosa con Maina: sinistro a lato con una piccola deviazione, non ravvisata. Ne passavano altrettanti e pronta arrivava la risposta dei partenopei con Rodrigo: destro a lato di poco. Clamorsa, a 1’ e 44”, l’occasione che capitava sul sinistro di Maina, che servito meravigliosamente bene da Avellino, falliva, a porta vuota, il tapin vincente. Posta in palio molto alta e squadre attente a non commettere il minimo errore. Al 6’ e 35” era Corbucci ad intervenire su una conclusione di Milucci. Al 7’ e 19” ecco, invece, la doppia conclusione di Maina, la prima rimpallata da Bacoli, la seconda che finiva alta sopra i pali di Bragaglia. Venticinque secondi dopo, Maina veniva atterrato in zona di rigore, ma l’arbitro sorvolava in maniera clamorosa. La successiva punizione veniva deviata in angolo. La Rapidoo continuava a premere, mettendo alle corde il Napoli Futsal Santa Maria. All’8’ e 40” ci provava Maina, ma Bragaglia respingeva. A 10’ e 54” ci provava Amirante, ma il suo destro finiva alto. E, pochi secondi dopo, ecco il vantaggio della Rapidoo a firma di Lara, abile a trovare il tapin vincente sulla respinta di Bragaglia. Trentotto secondi dopo Lara commetteva fallo di mano in scivolata in area di rigore. Il penalty veniva trasformato da Noro per l’1-1. La Rapidoo reagiva immediatamente e, a 7’ e 15” dalla fine, Napoli commetteva il sesto fallo. Il tiro libero di Maina veniva neutralizzato da Bragaglia. Lo stesso estremo difensore partenopeo si superava a 3’ e 25” dalla fine, quando neutralizzava d’istinto una conclusione ravvicinata di Bacoli. A 2’ e 45” altro fallo su Gimenez e altro tiro libero da posizione centralissima. Era lo stesso giocatore della Rapidoo a realizzare il 2-1, facendo carambolare la palla sul palo di sinistra e poi in rete. In chiusura di tempo ancora Rapidoo: prima con Gimenez (respinta) e poi con Maina (esterno della rete). La ripresa si apriva male per la Rapidoo. In azione di rimessa, infatti, a 1’ e 54”, era Botta a realizzare il 2-2. Forte del pareggio, Napoli tornava a manovrare con piùà disinvoltura e al 3’ e 24” ecco arrivare il vantaggio a firma di Costa, abile in tapin a spedire il pallone alle spalle di Corbucci. Altri trenta secondi ed era Ottoni a fare poker. La Rapidoo accusava il colpo, anche perché a 4’ e 50” Rodrigo portava a cinque le segnature per i partenopei. A questo punto la Rapidoo provava a reagire, ma trovava sulla sua strada sempre un attento Bragaglia, che a 8’ e 50” si superava su Lara. A 9’ dalla fine, la Rapidoo optava per il portiere di movimento, ma a all’11’ e 47” era ancora Ottoni ad andare in gol per il 2-6. Rapidoo ormai in panne e trafitta, poco dopo, per la settima e ottava volta: prima l’autogol di Avellino e poi Rodrigo. E, con il portiere di movimento, tutto diventava più facile per il Napoli Futsal Santa Maria, che al 16’ e 58” siglava il nono gol con il capitano Botta. Era l’ultima emozione di una gara che il Napoli Futsal Santa Maria ha vinto meritatamente, ipotecando il passaggio alla finale play off. 

 

Sponsor