Menu LatinaPerStrada.it

Eventi e Cultura

Passepartout e "I caduti di Cefalonia:fine di un mito"

Nella sede di via Corridoni incontro con Massimo Filippini

Questo pomeriggio alle 18.30, Passepartout  presenta il volume di Massimo  Filippini, I caduti di Cefalonia:fine di un mito.

Il mito "resistenziale", con l'ampliamento a dismisura del numero dei soldati italiani caduti o fucilati dai tedeshi, oscura quello che è, a detta dell'autore, il nodo centrale della tragedia di Cefalonia, ovvero lo scontro con i tedeschi, su preciso ordine del Comando Supremo del governo Badaglio, fuggito nel frattempo a Brindisi, senza peraltro aver dichiarato ufficialmente guerra alla Germania; atteggiamento che causerà la reazione tedesca con la fucilazione dei nostri Ufficiali considerati "franchi tiratori" o "partigiani", come era previsto dalla Convenzione di Ginevra. Tra quelle vittime c'era il padre dell'autore del libro, Magg. Federico Filippini, comandante il Genio della Div. "Acqui".

Massimo Filippini, è nato a Roma nel 1936. A sette anni rimase orfano di padre, fucilato a Cefalonia dai tedeschi. E' stato Ten. col. dell'Aeronautica Militare ed ha esercitato la professione forense, alternandola con quella di studioso di storia militare. E' divenuto il punto di riferimento per chiunque voglia sapere quanto in realtà, accadde a Cefalonia.Appuntamento quindi con l'autore, alle 18.30 presso la sede dell'Associazione Culturale Passepartout, in via Filippo Corridoni 78, nella piazzetta del quartiere Nicolosi a Latina

 

Sponsor