Menu LatinaPerStrada.it

Cronaca

Sangue infetto, maxi risarcimento per una pontina

Sentenza del Tribunale di Roma per un episodio degli anni '70

Clamorosa sentenza emessa dal Tribunale di Roma a favore di una donna di Latina: i giudici della Capitale hanno disposto infatti un risarcimento di oltre 100mila euro per i gravi danni causati alla signora da una trasfusione di sangue infetto effettuata presso il Goretti. Il fatto avvenne oltre 40 anni fa, quando la paziente aveva 26 anni: in ospedale le somministrarono delle sacche di sangue che la portarono a contrarre l’epatite C. La positività al virus fu scoperta solo nel 2010 e la causa ebbe inizio due anni dopo. Accertate le responsabilità della struttura e del Ministero della Salute, che avrebbe dovuto vigilare sull’accaduto, il Tribunale ha deciso per il risarcimento.

 

Sponsor