Menu LatinaPerStrada.it

Cronaca

Delitto Del Prete, nuovi dettagli sull'arresto di "Blindo"

Il "mediatore" incontrava i mandati a borgo Faiti

Si chiama Cataldo Patruno ma molti lo conoscono col nomignolo di Blindo per una particolare predisposizione per le casseforti.  E’ il quinto uomo finito in manette ieri per l’omicidio di Vincenzo Del Prete, il 45esse assassinato a Terracina il 18 novembre scorso. Secondo gli inquirenti Patruno avrebbe svolto il compito di mediatore tra i mandanti e gli esecutori del delitto. Marino Cerasoli e Roberto Bandiziol lo avrebbero incontrato più volte dalle parti di Borgo Faiti, incaricandolo di ingaggiare i sicari Giampiero Miglietta e Tommy Maida. A questi ultimi sarebbe stato promesso un compenso di mille euro per il sequestro di Del Prete e di circa 20mila euro per l’esecuzione. 68enne, residente ad Aprilia, “Blindo” vanta svariati precedenti a partire dal 1978. Dovrà rispondere di concorso in omicidio e porto abusivo di arma da fuoco. 

 

Sponsor