Menu LatinaPerStrada.it

Cronaca

Rapina alle poste, rinviato a giudizio

Il processo a De Lucia inizierà il 25 settembre

Accusato della rapina messa a segno, il 1 luglio 2010, all’ufficio postale di via Toti, ieri Giuseppe De Lucia, 22enne di Latina, volto ben noto alle forze dell’ordine, è stato rinviato a giudizio dal giudice per l’udienza preliminare Nicola Iansiti. Il processo al giovane, difeso dagli avvocati Angelo Palmieri e Leonardo Palombi, inizierà il prossimo 25 settembre, davanti al Tribunale di Latina.
Alle Poste di via Toti, tre anni fa, si presentò un uomo con il volto coperto da un casco e da un paio di occhiali scuri. Il malvivente si fece largo tra i numerosi clienti che erano in fila alle casse e, armato di un taglierino, con un balzo scavalcò il bancone. Il rapinatore svuotò le casse, arraffando in tutto circa 6.000 euro, mise il denaro dentro un borsello che aveva con sé già al momento dell’irruzione e si precipitò all’esterno dell’ufficio postale, per poi fuggire in sella ad un maxi-scooter. In base alle indagini svolte dalla Mobile, che ha analizzato le immagini catturate dalle telecamere di sorveglianza delle Poste, l’autore della rapina sarebbe De Lucia, per il quale ieri è stato disposto un processo.
Lo scorso anno sempre Giuseppe De Lucia è stato condannato a quattro anni e otto mesi di reclusione dal giudice per l’udienza preliminare Costantino De Robbio, per la rapina ai danni di Banca Sella, avvenuta il 7 luglio 2011. Alla fine del 2011, invece, il 22enne era stato condannato a quattro anni e due mesi per il colpo alla banca Unipol di via Villafranca, del 27 luglio precedente, che dopo poche ore portò la squadra mobile a stringere le manette ai polsi del latinense. Davanti ai giudici del Tribunale di Latina si profila un’altra battaglia per De Lucia, dopo che già ieri la difesa ha cercato di smontare il castello accusatorio.

Sponsor