Menu LatinaPerStrada.it

Cronaca

Ponza, spazzatura sotterrata

Indagine della Finanza: 4 arresti, 11 denunce

Arrestati l'amministratore e tre dirigenti della società responsabile dei servizi per la raccolta dei rifiuti solidi urbani a Ponza. Altre undici persone sono state denunciate, mentre sono stati sequestrati beni per un valore complessivo superiore ai 3,5 milioni di euro.

Sono questi i numeri di un'accurata operazione svolta dagli uomini della Guardia di Finanza di Formia, a conclusione di un'attività investigativa durata due anni. I provvedimenti restrittivi traggono origine dalle anomalie riscontrate nella procedura di aggiudicazione della gara e nella fase di affidamento del servizio, "ma soprattutto - come si legge in una nota della stessa Guardia di Finanza - dall'analisi dell'irregolare e fraudolenta esecuzione del servizio nel Comune dell'isola pontina, con particolare riferimento alla raccolta differenziata, dal 2009 al 2011".

Le indagini, supportate anche da alcune segnalazioni dei cittadini dell'isola, hanno permesso di acclarare che il servizio non veniva eseguito secondo gli aspetti stabiliti nel contratto, mettendo in luce molte irregolarità e inadempienze.

Tra le violazioni più significative sono apparse ricorrenti la mancata raccolta differenziata, la disonesta miscelazione della stessa con quella indifferenziata, l'omessa pulizia della strade, il mancato impiego di uomini e mezzi, fino all'illecito smaltimento con il contestuale sotterramento dei rifiuti in alcune località dell'isola.

Sponsor