Menu LatinaPerStrada.it

Attualità

Rubrica "OGGI DICO CHE... " settembre 11

A cura di Giovanni Bernardini

Sedici anni fa il più micidiale attentato terroristico di sempre. 
Da allora non hanno più smesso di uccidere gente a casaccio, ovunque, con ogni mezzo. 
 
E tante altre cose sono iniziate allora. 
Prima di quell'undici settembre nessuno diceva che “l'Islam è una religione  pace”, come oggi nessuno oggi dice che ebraismo, cristianesimo o buddismo sono “religioni di pace”. Nel momento stesso in cui le torri gemelle crollavano l'Islam è diventato “una religione di pace”.  
Dopo l'undici settembre 2001 gli occidentali si sono inventati il reato di “islamofobia”. 
Hanno iniziato a chieder perdono per le crociate, il colonialismo, l'imperialismo, senza che altri si scusassero  a loro volta per le “marachelle” di cui anche la loro storia è piena. 
Hanno iniziato ad autocensurarsi. Niente vignette satiriche su argomenti “offensivi” per i seguaci della “religione di pace”, simboli religiosi rimossi dai locali pubblici, statue di nudo coperte, festività come la Pasqua ed il Natale celebrate con crescente “moderazione”. 
Hanno scoperto che paesi come la Francia, il Belgio, la Germania o la Gran Bretagna sono attraversati da continue epidemie di follia. Un numero crescente di “disturbati mentali” uccide gente con ogni mezzo, ma “non si tratta di terrorismo”, cinguettano annunciatori ed annunciatrici dei media. 
Sono diventati molto sospettosi, vedono complotti ovunque. Sarà stata davvero Al Qaeda a far crollare le torri gemelle? E la CIA, ed il Mossad...? 
Sono diventati sempre più antisemiti. Corea del Nord, Iran, Iraq, Siria, Arabia Saudita... In simili paesi si commettono tutti i giorni i crimini più nefandi, ma è sempre lo stato di Israele ad essere sul banco degli imputati. 
 
E' davvero cambiato il mondo a partire dall'undici settembre 2001. In peggio. Da tutti i punti di vista. 

 

 GIovanni Bernardini
 

Sponsor