Menu LatinaPerStrada.it

Attualità

Stipendi Latina Ambiente, la posizione del Comune

I ritardi non sono attribuibili all'Amministrazione

I ritardi nel pagamento degli stipendi dei dipendenti della “Latina Ambiente

S.p.A.”, la società controllata dal Comune di Latina che si occupa della raccolta

dei rifiuti, non è attribuibile a responsabilità dell’amministrazione comunale.

Lo rileva l’assessore comunale all’ambiente, Fabrizio Cirilli, che in una nota

inviata questa mattina ai rappresentanti sindacali e ai vertici della “Latina

Ambiente S.p.A.” ha precisato i termini della questione e quindi la posizione

dell’amministrazione comunale:

“Con riferimento alla nota 14/11/2011, con la quale la Latina Ambiente S.p.a.

comunica “ritardi nella riscossione del canone mensile” che avrebbero

determinato un differimento del pagamento degli stipendi di Ottobre 2011 -

scrive l’assesore Cirilli - evidenziando che tale disagio non sarebbe dovuto a

responsabilità della Società, corre l’obbligo di rappresentare quanto segue.

I tempi occorrenti per la liquidazione dei canoni fatturati dalla Società sono,

allo stato, da ricondurre ad esigenze proprie della Società stessa che, tra l’altro,

ha consegnato al Comune i report gestionali di attività, riferiti ai servizi

espletati nei mesi di Aprile – Maggio – Giugno 2011, il 04/10/2011, integrati,

ai fini della liquidazione, solo in data 10/11/2011 (per quanto attiene il mese di

Aprile 2011) e in data odierna (per quanto attiene i mesi di Maggio e Giugno

2011).

Inoltre, nel corso dell’incontro istruttorio del 18/10/2011, la Direzione della

Latina Ambiente aveva richiesto un termine di giorni quindici lavorativi per

eseguire approfondimenti ulteriori prima di esprimersi in ordine alle

comunicate risultanze del Comune”.

L’assessore Cirilli rileva, inoltre, che “è stato registrato un sistematico ritardo

nella produzione della documentazione di competenza della Latina Ambiente

S.p.a., occorrente per la liquidazione e pagamento delle competenze, che ha

anche determinato un inevitabile restringimento dei tempi per le verifiche ivi

connesse. Nonostante ciò l’Amministrazione ha sollecitato, attraverso i propri

rappresentanti in seno alla Società, la convocazione immediata di un CdA ove

assumere le decisioni per superare, si spera definitivamente, le difficoltà

tecniche – operative della Società, connesse con le procedure di liquidazione e

pagamento delle spettanze per i servizi erogati, ed assumere i conseguenti

provvedimenti per procedere, fin da oggi, al pagamento del canone che la

Latina Ambiente assume, nella nota richiamata, occorrente per la

corresponsione degli stipendi relativi al mese di Ottobre 2011”.

Sponsor